È stata in forse fino all’ultimo secondo la 567esima Corsa degli Zingari di Pacentro (L’Aquila) a causa degli incendi che per quindici giorni hanno devastato il Parco nazionale della Majella e la Valle Peligna distruggendo secondo le stime circa 400 ettari di vegetazione: una spessa coltre di fumo ha invaso tutta la zona e si è dissolta solo dopo la pioggia del fine settimana.

 

La campanella della chiesetta della Madonna Di Loreto domenica scorsa ha infine suonato lo stesso, per i 32 partecipanti che hanno affrontato la ripida discesa a piedi nudi partendo dalla cima del Colle Ardinghi, attraversato il guado sul torrente Vella e risalito il fianco del paese prima di gettarsi stremati davanti l’altare per essere medicati.

Per la sesta volta, la vittoria è andata ad Alessio Marcaurelio, della contrada del Colle, seguito da Stefano Lotito e dal 15enne Leon Freyne, ragazzo irlandese di madre italiana che dal 2014 si è stabilito con la sua famiglia a Pacentro.

Alessio, corridore ormai esperto, ha battuto tutti completando la discesa e la risalita in 5 minuti netti, staccando di trenta secondi il secondo classificato, di un minuto il terzo e si è goduto a fine gara il meritato giro d’onore per le vie del paese portato a spalla da compagni e amici.

“Lo scorso anno sono arrivato secondo dietro al mio amico Simone Di Loreto che questa volta ha preferito non gareggiare - è stato il commento a caldo del vincitore, mentre i volontari della Croce Rossa gli curavano le ferite ai piedi - Io ho fatto uno sforzo per partecipare perché la discesa è sempre dolorosa. In alcuni momenti ti lasci sopraffare dall’emozione e non ricordi bene il percorso, i punti in cui passare”.

Alessio è stanco ma soddisfatto e ancora carico dell’adrenalina della gara e dell’atmosfera unica di una festa che, come poche altre, può essere giustamente spiegata e raccontata solo vivendola e respirandone l’aria fin dal mattino, nel carico di emozioni che si scatenano al segnale di partenza della campanella.

“Impossibile non partecipare. È una tradizione da vivere e onorare”, ha affermato con forza.

Una giornata particolare, come ogni edizione, ma con un qualcosa in più: la presenza di un gran numero di oriundi pacentrani, emigrati all’estero nel dopoguerra o figli di emigranti che hanno lasciato il paese a partire dai primi del ‘900 sbarcando con i piroscafi nel famoso porto di Ellis Island.

Molte porte e finestre, chiuse da anni, nei vicoli stretti e nelle piazzette del borgo vecchio hanno mostrato di nuovo la vita e la partecipazione sentita di chi magari ha conosciuto la corsa solo dai racconti dei genitori o dei nonni.

E c’è stato chi ha fatto di più, come Mickey Puccini, americano, sessant’anni, che si è allenato duramente perdendo 13 chili, per partecipare in prima persona alla gara.

“È stato fantastico - ha raccontato Mickey ad AbruzzoWeb - volevo che si pronunciasse di nuovo il nome della mia famiglia di cui in paese sembrava non ricordare nulla nessuno. Il mio trisavolo era nato qui e poi è partito per l’America”.

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 0

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 3

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 4

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 5

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 6

“Penso che il prossimo anno resterò a guardare - ha sorriso - perché la corsa è davvero dura ma alla fine i miei piedi non stanno poi così male! Ed è stato un modo per entrare in piena sintonia con i paesani. Uno dei giovani lassù in cima mi ha detto seguimi e guarda dove metto i piedi”.

Soddisfatto per la riuscita della giornata il primo cittadino, Guido Angelilli: “Tredici giorni di roghi ci hanno messo a dura prova. Squadre impegnate su più fronti e inneschi che accendevano altri fuochi in punti diversi. Un incendio di proporzioni vastissime sviluppatosi rapidamente e in maniera anomala. La manifestazione è stata in forse fino all’ultimo istante e i giochi pirotecnici vietati per ovvi motivi. Ma è stato bello alla fine vedere comunque tanta voglia di partecipare, tanta gente presente. Un segnale positivo”.

Nel pomeriggio, prima della discesa a piedi nudi dei “grandi”, la corsa, per le vie del paese, degli zingarelli, bambini dai 6 ai 12 anni e qualche fuori classifica: il concorrente più giovane un bimbo di appena un anno che ha completato il percorso con grinta anche se distratto, in qualche passaggio, dai giochini colorati delle bancarelle.

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 7

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 8

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTRO SESTA VITTORIA PER 10

CORSA DEGLI ZINGARI DI PACENTROESTA VITTORIA PER 2

di Eleonora Marchini

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/corsa-degli-zingari-di-pacentro-sesta-vittoria-per-marcaurelio-niente-spari-per-il-rischio-incendi/636233-1/


Imagen3aiyellow

Artìcoli recenti più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next
 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo