Tipici della provincia di Teramo (la mia città d’origine), in modo particolare delle zone montane, i “papatìlle” sono piccoli biscotti piatti che sembrano vagamente ricordare, per la forma, i cantucci toscani.
In realtà sono molto diversi, a base di farina integrale, miele, scorza gratugiata d’arancia, mandorle e, nota curiosa, pepe, che conferisce loro un gusto unico e particolarissimo.


Di queste piccole golosità tipiche del periodo natalizio esistono diverse versioni: solo farina bianca, solo farina integrale o mix delle due; più o meno mandorlosi, sottili o leggermente spessi, morbidi o croccanti.
Ricordo che mia nonna paterna li faceva di sola farina bianca, con poche mandorle e poco pepe, abbastanza spessi e morbidi ma non ho mai amato molto quello che chiamavo “effetto cheewing gum” probabilmente dovuto alla presenza del miele. Mastica mastica, il pepatello sembrava essere sempre lì, appiccicato ai denti, senza aver nessuna intenzione di andar giù. E la farina bianca sembrava rendere il tutto troppo dolce per i miei gusti.
Da criceto/scoiattolo quale sono, ho un debole speciale per la frutta secca e per le consistenze sgranocchiose.
Questa è la versione che ho imparato da mia mamma (e che lei a sua volta ha ereditato dalla sua) e, neanche a dirlo, la mia preferita, perchè croccantissima e ricchissima di mandorle.

RICETTA 1

pepatelli3a

PEPATELLI ABRUZZESI

PRINT
PREP TIME
40 mins
COOK TIME
30 mins
TOTAL TIME
1 h 10 mins

Author: Federica
Recipe type: Dolci tipici


INGREDIENTI
500 gr di mandorle
500 gr di miele millefiori
500 gr di farina di tritello (è la farina che contiene la parte fine della crusca) o, in alternativa, farina integrale
2-3 arance non trattate
pepe nero


PROCEDIMENTO


Lavare le arance, asciugarle bene e grattugiare la scorza (solo la parte arancione) abbastanza finemente.
In una casseruola far sciogliere il miele a fuoco bassissimo.
Sulla spianatoia mescolare la farina con le mandorle, la scorza delle arance ed una generosa macinata di pepe.
Aggiungere pian piano il miele caldo e cominciare ad impastare; il tutto alla fine risulterà piuttosto consistente.
Per la quantità di pepe, dipende molto dai gusti ma si dovrebbe sentire leggermente il pizzico...da cui il nome pepatelli.
Con la pasta formare dei filoni rettangolari ed ppoggiarli sulla placca del forno.
Cuocere 170°C fino a che la superficie risulterà dorata.
Dai filoni ancora caldi ritagliare i pepatelli dello spessore di 3 mm circa
Disporre i pepatelli nuovamente sulla leccarda e ripassarli in forno ancora per qualche minuto in modo da renderli croccanti.
Per quet'operazione non è necessario che il forno sia acceso, va benissimo anche il forno appena spento ancora bello caldo, e ovviamente tanto più vi si terrano dentro, tanto più i pepatelli risulteranno croccanti.
Una volta freddi riporre i "papatìlle" in una scatola di latta. Ben chiusi, si conservano a lungo...se durano!


NOTE
Per tagliare i pepatelli usare un coltello affilatissimo ed aiutarsi con un canovaccio, altrimenti si rischia l'ustione!

RICETTA 2

PepatelliGustosi biscottini tipici della provincia di Teramo che richiamano per certi aspetti il medievale "pan pepato".

  • Preparazione

Impastare miele (precedentemente messo a sciogliersi sul fuoco), cacao, bucce di arancia e pepe.

Disporre la farina a fontana e mescolare con il burro.

Aggiungere le mandorle intere.

Formare dei grossi "cannelloni" schiacciarli e cuocerli a calore moderato.

Toglierli dal forno e  tagliarli con un coltello ben affilato ancora caldi ottenendo pezzetti dello spessore di 1 cm. circa.

  • Avvertenza

E’ consigliabile comprare il pepe a chicchi e macinarlo a casa.

  • Occorrente (3 kg. circa):

1kg. e ½ di farina, 1 kg. e ½ di miele, 2 cucchiai di cacao, 500 gr. di mandorle intere, buccia grattugiata di 2 arance, 1 cucchiaio abbondante di pepe macinato.

Ingredients

Ingredient's nameQuantity
farina 1 kg. e mezzo
miele 1 kg. e 1/2
cacao 2 cucchiai
mandorle intere 500 gr.
buccia grattugiata arance 2
pepe macinato 1 cucchiaio

 


Imagen3aiyellow

Artìcoli recenti più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next
 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo