piatti di carne

  • “Lu ciff’ e cciaffe” (spezzatino di maiale)

    “Lu ciff’ e cciaffe” (spezzatino di maiale)

    Le ricette dei contadini.

    Oggi troviamo ogni tipo di carne quando si vuole. I contadini di una volta, che ne avevano la possibilità, allevavano animali da macello per il fabbisogno familiare. Uno di questi era il maiale e appena si ammazzava si respirava un'aria di festa poiché si era sempre in compagnia di chi veniva a dare una mano nell’uccisione del maiale.

  • Agnello di Pasqua alle olive nere

    Ricetta golosa per un secondo piatto dedicato alla Pasqua. L’agnello viene insaporito dalle olive nere che gli conferiscono aroma e sapore piuttosto decisi. Il peperoncino lo rende brioso e l’origano dona profumo e gusto veramente particolari.

    La ricetta è tipica della cucina tradizionale abruzzese ed è piuttosto semplice e veloce da realizzare: ottima per essere servita tutto l’anno e particolarmente adatta per essere gustata durante le feste pasquali.

  • Maiale in padella

    La tradizione del maiale ha radici antiche in Abruzzo e diverse sono le testimonianze che lo confermano. Basilio Cascella, attraverso le sue opere, ha documentato e tramandato tra fine ‘800 e inizio ‘900, la centralità del maiale negli spazi urbani dei centri abruzzesi, sottolineando l’antica funzione di hospes ad esso accordata, nel senso di chi è accolto in famiglia come parte integrante. Lo stesso Boccaccio, in un passaggio del Decamerone, aveva fatto notare cinque secoli prima a Frate Cipolla che “in terra d’Abruzzi gli uomini e le femmine vanno in zoccoli su pe’ monti, rivestendo i porci delle lor busecche”, ovvero insaccano la carne di maiale nelle budella.(1)

  • Pecora alla Callara e Montepulciano, l'elisir dei pastori

    Pecora alla "callara": la ricetta

    Una ricetta nata dalle esigenze dei pastori che avevano l'esigenza di non sprecare la carne degli ovini malati o anziani, così la cucinavano per ore, usando vino, erbe e spezie per coprire il cattivo odore, dopo aver fatto marinare per almeno una notte per .coprire il cattivo odore, dopo aver fatto marinare per almeno una notte

 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo