secondi piatti

  • Abruzzo IN….cucina: ospitiamo la Prof. Cuoca Antonella Petrella con “Carrè di agnello farcito ecc.

    Abruzzo IN….cucina: ospitiamo la Prof. Cuoca Antonella Petrella con “Carrè di agnello farcito ecc.

    Antonella Petrella ama la cucina ed è per questo che, in questo periodo, oltre ad essere super impegnata ad insegnare la biologia  agli studenti dell’Istituto “A. Zoli” di Atri, è alle prese con fornelli & Co. nel Format “Social Kitchen”  dove vi partecipano cuochi da tutta Italia, trasmesso da una nota piattaforma su Internet.

  • Abruzzo nella tradizione: PALLOTTE CACIO E OVE

    PALLOTTE CACIO E OVE

    Ecco una ricetta tipica della cucina contadina e pastorale d’Abruzzo veramente gustosa! Le “pallotte cace e ove” sono delle gustose polpette di pane raffermo, formaggio e uova.

    Le "Pallotte Cacio e Ova" sono da sempre considerate un , nato dalla necessità di non gettare niente. E’ una delle ricette abruzzesi più famose, che usa al posto della carne le uova, sicuramente molto più economiche.

  • Abruzzo, dove il Baccalà è tradizione

    Ricetta Baccalà e Patate al Forno

    In occasione della tradizionale sagra del Baccalà a Sant'Omero (TE), proponiamo alcune ricette di baccalà.

    Il baccalà è forse il pesce più consumato dagli abruzzesi. E’ difficile incontrare una persona originaria di questa stupenda regione che non apprezzi questo particolare pesce.

     

  • BACCALA’ E PATATE AL FORNO

    Il baccalà è forse il pesce più consumato dagli abruzzesi. E’ difficile incontrare una persona originaria di questa stupenda regione che non apprezzi questo particolare pesce.

    Prima di tutto, per chi non sapesse che tipo di pesce sia il baccalà, spieghiamo subito che quest’ultimo non è altro che il merluzzo posto sotto sale .

     

  • Capretto alla neretese: tradizioni abruzzesi

    Capretto alla neretese: tradizioni abruzzesi

    La capra alla neretese è un secondo piatto tipico della tradizione culinaria abruzzese. È una ricetta che si consuma soprattutto nel periodo pasquale, diffusa maggiormente nei paesi di Nereto, Controguerra, Corropoli, Colonnella e altre zone della provincia di Teramo. Per preparare questo piatto occorrono pochi ingredienti: carne di capra o capretto, cipolla, peperoni rossi e pomodori, pelati o freschi.

  • Costolette di agnello marinate impanate e fritte

    Capita di avere improvvise voglie. A me capita spesso... e come resistere alla tentazione di costolette di agnello marinate e fritte? Impossibile.
    Da tempo volevo provare una panatura alle erbe. Così ho ascoltato gli ingredienti: l'agnello mi ha chiaramente chiesto la menta, e non si può non ascoltare quando un ingrediente ti parla!
    Panatura alla menta per un agnello marinato che si scioglie in bocca!

  • Cozze gratinate

    Le cozze gratinate sono un finger food a base di pesce davvero delizioso, anche se richiede molta pazienza nella preparazione in quanto le cozze vanno riempite con una panatura saporita una per una e poi fatte gratinare in forno.

  • Cozze gratinate al forno: una ricetta alternativa, sfiziosa e saporita

    Cozze gratinate al forno: una ricetta alternativa, sfiziosa e saporita

    Ciao a tutti e ben ritrovati!Oggi vi propongo una ricetta a base di cozze! Adoro le cozze, soprattutto come antipasto e accompagnate dalla pasta! Mai però mi ero cimentata nella preparazione di un secondo/contorno. Dato che non sapevo cosa fare con 1 kg di cozze da mangiare tutte da sola ho deciso di utilizzarne buona parte per la pasta e le restanti al forno. Il risultato è stato davvero soddisfacente! Inoltre, il procedimento è semplicissimo!

  • Cucina abruzzese: seppie ripiene alla pescarese

    Le seppie ripiene alla pescarese sono una ricetta facile e molto saporita, ovviamente per una ottima riuscita scegliete seppie fresche e da pesca locale, e ottimo olio d’oliva extra vergine. Le seppie sono un mollusco leggero, saporito, economico e molto versatile in cucina, e per questo vi suggeriamo di introdurlo nei vostri menu ora se volete seguire i precetti di magro della Quaresima. Fare un periodo di Quaresima, che dal punto di vista alimentare vuol dire seguire un regime di magro per un certo periodo, è consigliabile a tutti ed avrà benefici effetti sulla vostra salute.

  • Dalla tradizione ecco la ricetta della trippa alla pennese

    Dalla tradizione ecco la ricetta della trippa alla pennese

    Dalla tradizione ecco la ricetta della trippa alla pennese
    Si chiama "alla pennese" perché questa versione di trippa è uno dei piatti tipici del centro vestino, cucinata in salsa di pomodoro molto densa e arricchita da diversi aromi.

  • I Secondi Piatti tipici in provincia di Teramo

    I Secondi

    Tra i secondi piatti a base di carne merita sicuramente un posto di rilievo la “porchetta” la cui antica preparazione è appannaggio di due comuni dell’entroterra Campli e Colledarache ogni anno ad agosto in occasione della sagra di Campli, giunta alla 42° edizione, si contendono il titolo di miglior porchetta.

  • Il baccalà al coccetto, nella tradizione delle feste di fine anno

    Per la cena di San Silvestro vi lascio una ricetta di baccalà (che qui in Abruzzo ho imparato è sempre la scelta giusta) la mia idea è di una cena Buffet meno formale della cena della vigilia di Natale,

  • Il pollo ripieno al sugo (“lu pullastr arpijne”)

    Il pollo ripieno al sugo

    Le ricette dei contadini della provincia di Chieti.

    Un piatto della domenica di casa mia era la pasta fatta in casa con il sugo del pollo ripieno. I miei genitori avevano una piccola masseria in campagna dove allevavano i polli per il fabbisogno della famiglia. Durante la settimana preparava il sugo per la pasta secca con il pollo a pezzi e la domenica, giorno di festa preparava il sugo con il pollo ripieno.

  • La cucina per l'inverno: Coratella d'Agnello all'Abruzzese

    Questa ricetta appartiene alla tradizione sia delle marche “sporche” (Vincisgrassi, Cicerchiata), dell’Umbria e delle zone montane dell'Abruzzo.

    Nella tradizione è una preparazione tradizionale del periodo pasquale, quando sono disponibili gli agnelli lattonzoli, cioè nati da circa un mese, che nell’antichità coincideva con il ritorno delle greggi dalla transumanza in Puglia.

  • Le Tuncenelle (Chieti)

    Le Tuncenelle (Chieti)

    L’Abruzzo è una regione dove le greggi di pecore, agnelli e capre sono ancora molto numerose, in particolare nei territori appenninici; ne derivano tradizioni gastronomiche e casearie antiche, tra cui quella delle “Tuncenelle”, come vengono identificate nel territorio della provincia di Chieti.

    La loro preparazione è abbastanza semplice; si tratta infatti di una pietanza formata da budella d’agnello o capretto che vengono riempite con le frattaglie dell’animale, come trachea, polmoni, fegato, coratella spezzettati e insaporite con aromi vari e peperoncino.

  • Mazzarelle teramane

    Mazzarelle teramane

    Le Mazzarelle, pietanza tipica della cucina teramana, sono involtini di coratella di agnello avvolta in foglie di indivia legati con budelline dello stesso agnello. Così descritta, la pietanza sembrerebbe un secondo piatto ed è in effetti creduta tale da molti, che, prigionieri della prima impressione, la considerano una portata successiva ad altri piatti della cucina teramana come il timballo o i maccheroni alla chitarra, mentre invece, nella tradizione, le mazzarelle sono diventate un primo, anzi di fatto il primo "obbligatorio", del pranzo pasquale, una sorta di ouverture dedicata all'agnello ed evocatrice di un indimenticato e indimenticabile passato di quotidianità contadina.

  • Pallotte cace e ove, cucina abruzzese

    Pallotte cace e ove, cucina abruzzese

    Le pallotte cace e ove sono un piatto tipico della cucina abruzzese. Si tratta di polpette di pane, formaggio e uova, prima fritte e poi condite con un semplice sugo di pomodoro, talvolta arricchito da pezzetti di peperone. Sono un piatto povero di tradizione contadina e pastorale, nato per far fronte alla scarsità di carne, soprattutto durante la guerra e dalla necessità di non gettare niente.

  • Pecora agliu cutturo

    Pecora agliu cutturo

    Far tagliare il coscio dal macellaio, a grosse fette o a spezzatino; l’importante è che l’osso venga segato e non battuto, per evitare appunto gli antipatici ossicini. Immergere la carne in acqua fredda, portare a bollore e lasciare sobbollire per almeno 2 ore, schiumando continuamente. Far raffreddare.

  • Pesce in scapece

    Pesce in scapece

    Il pesce in scapece, fritto e conservato in una marinatura di vino, aceto e zafferano, è tipico della cucina abruzzese.

  • Ricette della tradizione d'Abruzzo: la pecora alla callara

    la pecora alla callara


    Prende il nome dal caldaio di rame usato per cucinarla ed è una delle ricette più antiche della tradizione pastorale abruzzese.

    La “callara” è l’antico paiolo che veniva appeso alla catena del camino: nella civiltà contadina abruzzese ogni piatto veniva cucinato direttamente sul fuoco. Questi tipici e capaci pentoloni in rame, a lungo andare diventavano esternamente neri a causa delle fiamme dei tizzoni che li riscaldavano.

 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo